bio . Alessandro De Benedetti nasce il 12 dicembre 1970 a Genova.
Negli anni 90 studia design a Milano e inizia a disegnare fumetti ispirandosi a Crepax e Frank Miller.
La moda arriva con una serie di esperienze importanti maturate in ambito internazionale. Dopo la collaborazione con Saverio Palatella nel 92, si trasferisce in Australia dove progetta il marchio George Cross Sportswear e nel 94 a Parigi lavora per Therry Mugler nell’atelier di alta moda. Ritornato in Italia, nel 1998 debutta sulle passerelle milanesi con il marchio che porta il suo nome e una serie di “collezioni ispirate” che alla sensibilità artistica uniscono la cura del taglio e dei particolari. Il 2005 segna l’arrivo di un nuovo partner finanziario, la Gentex di Milano che, tramite la sezione del gruppo G-Fashion, concentra know-how specifici in termini di ricerca, distribuzione e segmentazione del mercato sul progetto Alessandro De Benedetti. Nel 2008 viene invitato come ospite d’onore alla “Russian Fashion Week” di Mosca e nel 2009 inizia una serie di collaborazioni creative con prestigiosi brands, tra cui il marchio Tru Trussardi.

style . La musica punk alternativa degli anni 80, la sensibilità dark crepuscolare, l’amore per il cinema alternativo di Russ Meyer e Alejandro Jodorovski, il noir di Joan Crawford e Siouxsie Sioux, la couture francese degli anni 50 e lo street style musicale degli ultimi venti anni. Donne disegnate sulla carta per riviste underground rivivono in collezioni dove l’abito è l’espressione finale di un mondo fatto di elementi in contrasto,
di icone e miti personali che prendono forma e si trasformano in madame ironiche e sensuali che mescolano le carte degli stili. Affascinanti, evocative e misteriose, le donne di De Benedetti si muovono fra le righe di storie che ispirano le collezioni e pongono al centro la donna stessa con le sue contraddizioni e la voglia di sedurre attraverso il gioco dei ruoli.